stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pienone di "pazienti" nel centro di fauna selvatica di Cattolica Eraclea
ANIMALI

Pienone di "pazienti" nel centro di fauna selvatica di Cattolica Eraclea

di

AGRIGENTO. Arrivano feriti, ma qui ritrovano la vita e tornano a volare: sono decine gli uccelli di specie protetta presi in cura durante l'estate 2016 nell'unico "ospedale per animali selvatici" nell'Agrigentino dove in dieci anni sono stati curati e salvati più di 1.200 tra rapaci, mammiferi e tartarughe marine.

Sono una trentina gli uccelli al momento ricoverati al centro di recupero fauna selvatica e tartarughe marine di Cattolica Eraclea gestito dal Cts con il coordinamento la Ripartizione faunistica e venatoria di Agrigento guidata dalla dirigente Maria Miceli.

"Abbiamo attualmente in cura diversi falchi pellegrini, poiane, gheppi, civette, un assiolo e anche merli. Stiamo recuperando in questo periodo anche molte rondini, rondoni e gabbiani reali. Alcuni sono già stati curati e sono pronti per essere liberati nei prossimi giorni, mentre altri uccelli hanno ancora bisogno di cure prima di tornare nello loro habitat naturale", spiega il veterinario Calogero Lentini che tutti i giorni si prende cura degli animali insieme agli operatori del Cts.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X