stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Beni confiscati, sono 354 in tutta la provincia di Agrigento
ANBSC

Beni confiscati, sono 354 in tutta la provincia di Agrigento

di

AGRIGENTO. Un patrimonio immenso per niente valorizzato, anzi: in molti casi abbandonato a se stesso. È il "tesoro" confiscato a boss e imprenditori in odor di mafia nell' Agrigentino. Beni in continuo aumento negli ultimi anni che potrebbero dare anche qualche risposta in termini occupazionali o sul fronte delle politiche sociali e abitative ma che ancora rimangono in gran parte inutilizzati. Sono complessivamente 354, tra aziende e immobili, i beni confiscati alla mafia nell' Agrigentino.

Secondo i dati dell' Agenzia nazionale dei beni confiscati aggiornati al 31 dicembre 2015 sono 61 le aziende sottratte alla "cupola" agrigentina, di cui 21 destinate e altre 29 in gestione, 11 aziende sono uscite dalla gestione. Mentre tra case, terreni e ville gli immobili confiscati sono 293, di cui 140 già destinati ai Comuni, 148 immobili in gestione da parte dell' Agenzia nazionale e 5 usciti dalla gestione. Tra le aziende confiscate in provincia di Agrigento 35 si occupano di edilizia e costruzioni; 8 di agricoltura, caccia e selvicoltura; 6 di commercio all' ingrosso e al dettaglio; 2 di trasporti, magazzinaggio e comunicazioni; una di estrazione di minerali e altre 9 impegnate in altri settori.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X