stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Porto Empedocle, abusò di disabile che rimase incinta: condannato
TRIBUNALE

Porto Empedocle, abusò di disabile che rimase incinta: condannato

di

PORTO EMPEDOCLE. Cinque anni di reclusione, risarcimento di 25 mila euro e interdizione per cinque anni dai pubblici uffici.

Queste le decisioni dei giudici della prima sezione penale presieduta da Giuseppe Melisenda Giambertoni (a latere Maria Alessandra Tedde e Giancarlo Caruso) nei confronti di Salvatore Lo Bue, 37 anni, accusato di violenza sessuale ai danni di una disabile psichica che restò anche incinta.

Lo Bue era accusato di avere approfittato, per diversi mesi, dall'estate del 2008 al marzo del 2009, della conoscenza con una ragazza affetta da un ritardo mentale per abusare di lei. La Procura gli contestava di averla costretta con la forza ad avere un rapporto sessuale completo e di averla indotta, "approfittando delle sue condizioni di inferiorità psichica" ad avere in seguito altri rapporti con lui.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X