stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Agrigento, l'omelia di Montenegro contro i mali della città
IL VESCOVO

Agrigento, l'omelia di Montenegro contro i mali della città

di

AGRIGENTO. Corruzione, mancanza di lavoro, crisi economica che ha ridotto in ginocchio le famiglie, ma anche il mare che rischia di essere compromesso per i colpevoli ritardi e le molte inadempienze. L'arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro, durante la riflessione della processione notturna del venerdì Santo, ha cercato - ancora una volta - di scuotere le coscienze degli agrigentini, ma non soltanto.

Sul sagrato della chiesa di San Domenico, don Franco ha detto: «Ho l’impressione che noi agrigentini siamo malati di accidia che è l’opposto dell’operosità. Accidia che non raramente è mista a noia, indifferenza ed insofferenza; accidia che si annida prima in noi cittadini che siamo e abitiamo la città, che nelle istituzioni. Facci capire, Signore, che tale atteggiamento, quando si unisce all’omertosità, rischia di diventare cancrena sino a diventare metastasi, tendenza cioè a tacere per paura di doversi mettere in gioco".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X