stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Aggredirono i vicini di casa", condanne per madre e due figli a Licata
TRIBUNALE

"Aggredirono i vicini di casa", condanne per madre e due figli a Licata

di
In quattro erano accusati di avere aggredito i vicini. La Cassazione ha annullato la sentenza per il padre

LICATA. La Corte d’Appello di Palermo, confermando la sentenza di primo grado, aveva condannato i componenti di un’intera famiglia licatese, accusati di avere aggredito i loro vicini di casa, a 2 anni e 4 mesi di reclusione. Ora la Cassazione ha confermato le condanne per tre delle quattro persone, mentre per la quarta l’ha annullata, rimandando ad un’altra sezione della Corte d’Appello affinchè ci sia un secondo esame e si tengano in considerazione le nuove prove prodotte dal difensore dell’imputato, l’avvocato Pino Glicerio.

Sarà celebrato un nuovo processo d’Appello, dunque, per Angelo Sortino di 51 anni. Con la conferma della sentenza, invece, è diventata definitiva la condanna per la moglie ed i figli dell’uomo: di Rosa Monachello di 50 anni, Francesco Sortino di 27 anni e Salvatore Sortino di 26 anni. I fatti contestati ai componenti lo stesso nucleo familiare si riferiscono al mese di ottobre del 2009.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X