stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Quarantacinque anni dopo il terremoto, una commissione speciale per il Belice

Quarantacinque anni dopo il terremoto, una commissione speciale per il Belice

Dovrà individuare dei percorsi idonei a «rilanciare lo sviluppo economico del territorio»

AGRIGENTO. «Nascerà una commissione speciale per il Belice, che elabori proposte per la soluzione della ricostruzione post terremoto, ma anche per individuare percorsi idonei a rilanciare lo sviluppo economico del territorio, nella imminente fase di riprogrammazione dei fondi strutturali, nei quali dare una corsia preferenziale ai Comuni belicini principalmente per le opere di urbanizzazione primaria e secondaria».

È questo uno dei risultati ottenuti dal coordinamento dei sindaci del Belice, ricevuti a Palazzo d'Orleans dal presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, alla presenza del dirigente regionale Vincenzo Falgares e del segretario generale Patrizia Monterosso.
Il coordinatore Nicola Catania, sindaco di Partanna, il suo vice Michele Botta, sindaco di Menfi, e una delegazione dei sindaci hanno «discusso e analizzato - spiegano in una nota - la particolare condizione in cui versano i Comuni belicini non soltanto relativamente alla questione del completamento della ricostruzione, ma anche al fine di mettere al centro dell'Agenda politico-istituzionale della Regione la Questione Belice. Il coordinamento dei sindaci ha relazionato al presidente Crocetta il lavoro svolto in questi anni che, recentemente, ha prodotto uno stanziamento di 45 milioni di euro per la Valle del Belice, risultato storico per il territorio. Tra le richieste avanzate oltre allo sblocco dei fondi ottenuti, l'elaborazione di un progetto di sviluppo delle aree interne al Belice che si origini attraverso la programmazione dei fondi strutturali 2014-2020; un assenso chiaro e risolutivo per l'approvazione del disegno di legge sulla riqualificazione ambientale e il completamento della ricostruzione nei comuni belicini colpiti da evento sismico nel gennaio del 1968».
Dal presidente Crocetta «è arrivata - si legge nella nota - totale apertura e massima disponibilità nei confronti delle proposte del coordinamento. Nell'incontro è stato ribadito il totale dissenso, l'ennesimo no alle trivellazioni nel Valle del Belice ed è stato lanciato un monito al Governatore della Regione affinché faccia il possibile per bloccare la realizzazione dell'attività di ricerca e sfruttamento di idrocarburi nel territorio belicino».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X