stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Dopo circa 40 anni la Diocesi lascia la terra di Ismani

Dopo circa 40 anni la Diocesi lascia la terra di Ismani

La decisione dopo la sparatoria in cui è rimasto ferito Don Angelo Burgio

AGRIGENTO. Come ampiamente annunciato, dopo la sparatoria in cui è rimasto ferito Don Angelo Burgio, la diocesi di Agrigento lascia la missione di Ismani. E lo fa dopo quasi 40 anni di servizio pastorale. A salutare la comunità africana è stato, don Luigi Mazzocchio, direttore dell'Ufficio Missionario, accompagnato da don Dario Morreale e dal seminarista Marco Farruggia. «A nome del Vescovo Francesco Montenegro e di tutta la Diocesi di Agrigento - ha detto Don Mazzocchio - ringrazio Dio per tutto quello che ci ha donato affinchè servissimo in questa terra credenti e non, cattolici, protestanti, musulmani e animisti». Ringraziamento è stato rivolto a coloro che hanno servito con dedizione e "dovere come inutili servi di Gesù" la comunità locale, dai sacerdoti che si sono succeduti: don Saverio Catanzaro, don Saverio Taffari, don Filippo Mammano, don Ignazio Giunta, don Paolo Ferrante, don Luigi Mazzocchio e don Angelo Burgio; alle associazioni laicali missionarie con opere di apostolato e promozione sociale; ai vari volontari che hanno risieduto per diversi anni (Lillo Gugliotta di Montevago, Augusto Sbaraglia di Roma, Lina Russo, Selene Cimò, Roberta Zarbo e Alessandra Errore di Agrigento) ed ai volontari che nel periodo estivo si sono offerti per i progetti di adozione a distanza e i vari coordinatori (Roberta Di Rosa e Mimmo Gambino). Don Luigi ha anche ricordato gli aiuti che sono stati dati per sostenere circa 3.000 famiglie, 2.000 bambini, 900 studenti e 100 seminaristi ma anche i copiosi frutti spirituali raccolti (15.000 battesimi, 5 sacerdoti, 3 religiosi, 18 religiose e le comunità di base nei 22 villaggi) l'intensa formazione catechistica e spirituale, le opere di carità e quelle materiali (16 chiese, 2 dispensari sanitari, una scuola secondaria, una primaria, 3 asili, una scuola di falegnameria, 2 scuole di sartoria, 3 mulini, 1 officina di fabbro ferraio, un ostello per gli studenti, un Centro culturale dotato di biblioteca, sala computer e laboratorio musicale e infine la Casa di accoglienza di "Nyumba Yetu" per bambini sieropositivi o orfani dell'Aids).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X