CONFCOMMERCIO

Tari, i commercianti agrigentini protestano: "Penalizzati ristoranti, pescherie e supermercati"

C'è un divario abissale tra la Tari pagata dai commercianti agrigentini che lavorano nel centro di Agrigento e quelli che lavorano in provincia. Una differenza del 44% che ha causato dunque la protesta dei lavoratori, stanchi di essere tartassati. La denuncia è stata fatta da Confcommercio Agrigento.

" Scorrendo le cifre - ha detto ieri, Francesco Picarella di Confcommercio -viene messo in evidenza come le categorie più pesantemente tartassate siano quelle dei ristoratori, bar, negozi di alimentari, pescherie, fruttivendoli e autofficine, con differenze considerevoli rispetto ad altre città siciliane, addirittura di oltre le tre cifre percentuali rispetto alla media nazionale. Non è solo il peso fiscale è eccessivo e mortifica ulteriormente l’imprenditoria agrigentina ma anche e soprattutto i falsi proclami e le discutibili dichiarazioni".

L’articolo completo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia.

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X