NO AL RIESAME

Palma, l’omicidio Scopelliti: Burgio accusato di aver ucciso il cognato, non presenta ricorso

di
burgio omicidio, omicidio scopelliti, Agrigento, Cronaca

La difesa, che ha «ottenuto» una misura cautelare diversa dal carcere, non impugnerà l’ordinanza. Nei prossimi giorni sarà il pubblico ministero Emiliana Busto a valutare se chiedere al tribunale del riesame l’applicazione della custodia in cella al posto dei domiciliari col braccialetto elettronico. In ogni caso, a cinque giorni dell’omicidio di Ignazio Scopelliti, bracciante agricolo di 45 anni, il cerchio appare del tutto chiuso.

"Temevo fosse armato e potesse uccidermi o fare del male a mia madre, un amico mi aveva rivelato che diceva di avere sempre un coltello con sé e che lo avrebbe usato per uccidere mia sorella. Lo avevamo denunciato tante volte, era diventato un incubo". Così Raimondo Burgio, 35 anni, di Palma di Montechiaro, fermato dai carabinieri venerdì mattina con l’accusa di avere ucciso il cognato, ha confessato tentando di spiegare cosa lo ha spinto a scaricare quasi interamente il caricatore della pistola che deteneva legalmente contro il familiare.

La notizia completa nel Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X