TRIBUNALE

Tentato omicidio in un bar di Favara, chiesta una condanna a dieci anni

di

“Il quadro probatorio è solido e non ci sono dubbi sul fatto che ci sia stata la sparatoria e che l’imputato abbia premuto il grilletto per uccidere”: il pubblico ministero Gloria Andreoli non crede alla versione dei testi della difesa e chiede la condanna a 10 anni di reclusione per il pescatore Gaetano Volpe, 51 anni, di Porto Empedocle, accusato dell’agguato ai danni di un disoccupato trentunenne, avvenuto davanti a un bar di Favara.

Il processo è in corso con rito abbreviato davanti al giudice dell’udienza preliminare Francesco Provenzano. La difesa, affidata agli avvocati Rosario Fiore e Raimondo Tripodo, che illustreranno la propria arringa il 12 luglio, aveva ottenuto, nonostante il rito in linea di massima escluda altre prove, di ascoltare due testimoni oculari che hanno smentito l’ipotesi accusatoria, secondo cui la vittima sarebbe stata ferita da un colpo di pistola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X