L'INTIMIDAZIONE

Licata, a fuoco il portone di casa di un dipendente del Libero Consorzio

di

LICATA. Nuova intimidazione col fuoco rivolta ad esponenti politici a Licata. A distanza di quasi una settimana dall’incendio del portone dell’abitazione di un assistente parlamentare dell’Assemblea regionale siciliana, le fiamme hanno avvolto l’ingresso dello stabile di via Ugo La Malfa, una traversa di via Gela, dove abita, tra gli altri, Massimo Ingiaimo, dipendente del Libero consorzio comunale di Agrigento, l’ex Provincia, fino a pochi mesi fa segretario del Pd di Licata e componente dell’Assemblea nazionale del partito.

Sul posto si sono immediatamente portati i carabinieri ed i vigili del fuoco del distaccamento di corso Argentina, che hanno spento il rogo in pochi minuti, mentre i militari dell’arma hanno effettuato i rilievi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X