COSA NOSTRA

Mafia a Porto Empedocle, assolta Anna Messina: "Non era una donna boss"

di
anna messina assolta, mafia porto empedocle, Anna Messina, Agrigento, Cronaca
Anna Messina

PORTO EMPEDOCLE. Non contribuì al rafforzamento di Cosa Nostra ma fu semplice fiancheggiatrice del fratello, avendo agito «in una condizione di non punibilità» visto che la legge non prevede il reato di favoreggiamento fra «prossimi congiunti».

La procura generale, che aveva insistito in udienza al processo di appello bis con il magistrato Emanuele Ravaglioli che aveva chiesto la condanna a 6 anni, fa scadere il termine e rinuncia a impugnare la sentenza di assoluzione emessa dai giudici della sesta Corte di appello di Palermo lo scorso 11 ottobre. Il verdetto, che scagiona la trentanovenne sorella del boss Gerlandino, accusata di concorso esterno in associazione mafiosa, da ieri, è diventato definitivo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X