AGRIGENTO

Calogero Romano e la costruzione del centro commerciale Le Vigne: Vincenzo Leone assolto dall'accusa di mafia

PALERMO. "Assolto dal reato di associazione a delinquere di stampo mafioso". Lo precisa l'avvocato Giacinto Paci a proposito di Vincenzo Leone, erroneamente considerato - in un precedente articolo - “appartenente alla famiglia mafiosa di Canicattì”.

Il nome di Leone emerge nell'ambito del maxi sequestro all'imprenditore Calogero Romano, titolare di numerose aziende che operano nel campo delle telecomunicazioni e della fibra ottica, nel settore edile ed anche di un autodromo, ritenuto colluso con la mafia agrigentina.

Romano avrebbe fornito alle aziende riconducibili a Angelo Di Bella e Vincenzo Leone, il calcestruzzo necessario alla realizzazione dei lavori di costruzione del noto centro commerciale “Le Vigne”, tra le città di Agrigento e Caltanissetta.

Su Leone, l'avvocato Paci comunque puntualizza che il suo "cliente è  stato assolto dal reato di associazione a delinquere di stampo mafioso con Sentenza della Cassazione Sezione I Penale, n. 19624 del 24 gennaio 2017 che ha escluso la partecipazione dello stesso all'associazione a delinquere denominata Cosa nostra".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X