TRIBUNALE

"Uccise il cognato", chiesta condanna a 21 anni per 46enne di Palma

di

PALMA DI MONTECHIARO. «È stata una madre spietata, ha ucciso il cognato insieme al figlio». Parole durissime del sostituto procuratore generale di Palermo, Rosalia Cammà, che ha chiesto la condanna a 21 anni di carcere per Giuseppina Ribisi, 46 anni, di Palma di Montechiaro, accusata di avere assassinato insieme al ragazzo, all’epoca minorenne, il cognato Damiano Caravotta, 26 anni, fratello del marito, freddato a colpi di pistola dopo un litigio nel pianerottolo dell’abitazione.

I giudici della Corte di assise di appello, dopo che la Cassazione ha annullato con rinvio la precedente condanna, potrebbero emettere la sentenza il 26 febbraio, dopo l'arringa dell'avvocato della difesa Giovanni Castronovo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X