"MONTAGNA"

Retata di mafia ad Agrigento, i pm: una realtà che ci riporta indietro di 40 anni

di

PALERMO. “Un’operazione antimafia storica per la provincia di Agrigento”. Così ha esordito il procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi, iniziando a descrivere i contorni dell’operazione “Montagna”.

Anche i numeri sono imponenti. Sono 63 gli indagati, di cui 46 custodie cautelari in carcere, 11 ai domiciliari, quattro obblighi di firma alla polizia giudiziaria e due ricercati all’estero. La Dda ha disposto il sequestro preventivo di sette società operanti nei settori edili e del movimento della terra, in quelli  delle scommesse e della distribuzione delle slot machines, per un valore complessivo di un milione di euro. Le indagini sono partite nel 2013.

Il procuratore aggiunto Paolo Guido ha sottolineato che: “Emerge uno spaccato sociologico relativo a una ortodossia che ci riporta a 40 anni fa”. I mafiosi agrigentini si definiscono il fiore all’occhiello di cosa nostra siciliana.  Inoltre rivendicano il venir meno a Palermo di personaggi affidabili. Così ha spiega Lo Voi: “Vengono inoltre rimpianti vecchi personaggi di cosa nostra. Ma nonostante tutto gli agrigentini continuano a mantenere rapporti lo stesso con i palermitani. Anche se rimangono affidabili solo i corleonesi”.

Una riflessione particolare sul termine “mafia” viene fatta dagli  agrigentini. “Non esiste la mafia esiste solo cosa nostra”.

Da questa indagine emerge un dato sconfortante: gli imprenditori che hanno subito estorsioni continuano a non denunciare. Così il colonnello Giovanni Pellegrino, comandante del comando provinciale di Agrigento, spera che: “Sono 27 i casi di estorsione e tenta estorsione registrati, 10 consumati con atti intimidatori. In alcuni casi i mafiosi per intimidire hanno dato alle fiamme auto e mezzi di ditte che gestivano appalti pubblici. Nessuno ha denunciato. Speriamo che questa operazione possa dare un impulso a chi è stato vittima di danneggiamenti ed estorsioni a denunciare”.

In 10 casi la cosiddetta “messa a posto” è andata a buon fine. Le richieste estorsive andavano da 2.000 a 20.000 euro. Le ditte prese di mira sono soprattutto quelle edili delle province di Agrigento, Palermo, Caltanissetta, Messina, Enna e Ragusa.

Ma oltre alla classiche estorsioni ad imprese locali, i capi mandamento agrigentini hanno tentato di allungare le mani sui soldi che girano attorno a due cooperative di immigrati richiedenti asilo. Le richieste, da una parte, erano quelle di far assumere personale riconducibile all’organizzazione mafiosa e dall’altra di avere una percentuale su ogni contributo pro capite ricevuto per i migrati da parte della Stato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X