CASSAZIONE

«Assumete i miei figli», condannato l’ex sindaco di Licata

di
Ex sindaco Licata condanna, Angelo Graci, Agrigento, Cronaca
Angelo Graci, foto da trs98.it

LICATA. L’assunzione dei figli in cambio della consegna degli impianti idrici: la Cassazione conferma definitivamente la pena a carico dell’ex sindaco di Licata, Angelo Graci, condannato nei primi due gradi di giudizio a quattro mesi di reclusione per l’accusa di istigazione alla corruzione.

«A me interessa sistemarli questi due ragazzi»: questa la frase che Graci, durante le trattative per la restituzione degli impianti idrici a Girgenti Acque, necessaria dopo la privatizzazione del servizio, avrebbe pronunciato rivolgendosi all'amministratore delegato dell’epoca Giuseppe Giuffrida. La sentenza è uguale in tutti i gradi di giudizio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X