LE INDAGINI

Emergenza rifiuti da Agrigento a Licata, aperta un'inchiesta

AGRIGENTO. Operatori ecologici sull'orlo di una crisi di nervi. Troppo pochi - ad Agrigento sono in servizio in 14, ma và, giornalmente, sottratto il personale in malattia o in ferie - per fare fronte alle difficoltà nella raccolta dei rifiuti.

Raccolta a singhiozzo determinata dal decreto 1154 della Regione che ha ampliato il numero dei Comuni che, dall'otto agosto, riversa alla discarica di contrada Matarana a Siculiana. Non tutti gli autocompattatori riescono nell'impianto - che appena raggiunge il limite massimo giornaliero sbarra i cancelli - a scaricare e dunque restano incolonnati giorno e notte. Sul territorio mancano, allora, i mezzi per garantire una raccolta capillare. E ad essere maggiormente penalizzate sono le periferie della città dei Templi dove gli autocompattatori stanno iniziando ad essere quasi un miraggio.

Da Agrigento a Licata. E Licata è ormai praticamente «sepolta» dai rifiuti. Non c'è un rischio, ma una conclamata emergenza igienico-sanitaria.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X