EMERGENZA SANITARIA

Meno sangue per i talassemici in provincia di Agrigento, aumentano i disagi

di

AGRIGENTO. Il calo di donazioni di sangue, anche in provincia di Agrigento, durante la stagione estiva, determina disagi per le trasfusioni ai talassemici.

«Capita – afferma Calogero Restivo, presidente di Fasted Sciacca e vice presidente regionale della Federazione Associazioni Siciliane di Talassemia – di recarsi in ospedale per effettuare la trasfusione e di non trovare due sacche disponibili, ma soltanto una. Questo non ci consente di fare due trasfusioni al mese, con due sacche, come avviene negli altri periodi dell’anno, ma una a settimana e ci condiziona nell’organizzazione della nostra attività. Chi deve fare un viaggio non può restare fuori due settimane, ma una soltanto perché poi deve tornare in ospedale a fare la trasfusione».

Un motivo in più per un nuovo appello, che parte anche dal vertice della Medicina Trasfusionale di Agrigento e Sciacca, con il direttore, Pasquale Gallerano, ad effettuare le donazioni anche durante la stagione estiva. Sono circa 200 i talassemici, in provincia, che effettuano le trasfusioni, circa 150 a Sciacca e il resto ad Agrigento.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook