DENUNCIATI

Immigrati minacciano e picchiano il responsabile di un centro ad Agrigento

AGRIGENTO. Reclamavano, ed a gran voce, il poket money. Hanno prima rinchiuso all'interno di una stanza, e minacciato, alcuni degli operatori. Poi, quando è giunto il responsabile della casa d'accoglienza, si sono scagliati contro di lui con calci e pugni. È stata un'autentica devastazione quella realizzata da un gruppo di dieci immigrati, tutti minorenni, di origini subsahariane.

Tutti, dopo l'audizione del responsabile e degli operatori della comunità, sono stati identificati e denunciati, in stato di libertà, alla Procura presso il tribunale per i minorenni di Palermo. A formalizzare la denuncia, dopo una breve attività investigativa che è stata successiva all'intervento per la maxi rivolta verificatasi al Villaggio Mosè, è stata la polizia di Stato. Gli agenti della sezione «Volanti» in particolare. Spetterà invece ai poliziotti dell'ufficio Immigrazione della Questura procedere al loro trasferimento in altre strutture di accoglienza, naturalmente separandoli.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook