IL CASO

"Estorsioni ai clienti", niente sentenza: atti al pm

di
agrigento, clienti, estorsione, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Agrigento

AGRIGENTO. «Il fatto è diverso da come descritto nel decreto che dispone il giudizio»: il gup Stefano Zammuto emette un’ordinanza con la quale restituisce gli atti al pubblico ministero e non emette la sentenza del processo nel quale erano imputate l’avvocato Francesca Picone e la sorella Concetta, consulente di un patronato.

Ieri, per tutta la mattina, avevano replicato il pm, i difensori di parte civile (nel collegio gli avvocati Giuseppe Arnone, Salvatore Pennica, Arnaldo Faro, Gisella Spataro e Daniela Cipolla), e i legali delle imputate Annalisa Russello e Angelo Farruggia. L’accusa ipotizzata dalla Procura è di estorsione e tentata estorsione ai danni di alcuni clienti dell’avvocatessa.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X