IL CASO

Pizzo sulla busta paga a Licata: le vittime saranno parte civile

di
buste paga, licata, pizzo, Agrigento, Cronaca
Tribunale di Agrigento

LICATA. Le vittime delle presunte estorsioni sulle buste paga sono state ammesse come parti civili. «Ho deciso di raccontare la verità perché non riuscivo a guardare in faccia mia figlia»: con queste parole, messe a verbale dagli inquirenti, un'operatrice delle cooperative “Libero Gabbiano” e “Arcobaleno”, inizialmente accusata di avere mentito alla Procura per coprire i propri datori di lavoro che le avrebbero imposto il pizzo sulla busta paga, aveva iniziato la sua totale retromarcia e ieri, ufficialmente, è stata ammessa come parte civile.

Altri due colleghi e la stessa cooperativa (assistiti dagli avvocati Salvatore Manganello, Antonino Gaziano, Vincenza Gaziano, Salvatore Loggia e Calogero Lo Giudice) si sono costituiti in giudizio. L’ordinanza è stata emessa ieri mattina dal giudice dell’udienza preliminare Alfonso Malato.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X