ABUSIVISMO EDILIZIO

Ruspe ferme a Licata in attesa dei ricorsi

di

LICATA. I “ricorsi” bloccano le demolizioni di immobili abusivi. Per continuare l’attività di abbattimento delle case costruite in zone con il vincolo di inedificabilità assoluta, molte delle quali sul mare, infatti, l’ufficio tecnico del Comune di Licata e la Procura di Agrigento stanno aspettando l’esito di un ricorso al Tar presentato dall’ex proprietario di un immobile che si è opposto all’ingiunzione di demolizione, un altro che si è rivolto al giudice delle esecuzioni per fermare le ruspe ed un altro ancora che abita in Inghilterra per cui si attende l’avvenuta notifica.

«Le demolizioni vanno avanti – dice il sindaco Angelo Cambiano – non si ferma l’azione di ripristino della legalità in questa città. E siccome parliamo di legalità è giusto attendere l’esito dei ricorsi presentati dai cittadini interessato prima di procedere».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook