ESTORSIONE

"Arnone andava arrestato", la Procura presenta ricorso in Cassazione

di
Giuseppe Arnone, Agrigento, Cronaca
Giuseppe Arnone con i suoi avvocati dopo la scarcerazione

AGRIGENTO. «Il comportamento dell’indagato, tutto incentrato su minacce di distruzione della reputazione privata e professionale della persona offesa Francesca Picone, ha posto quest’ultima di fronte alla secca alternativa: pagare o patire una campagna mediatica denigratoria e calunniosa potenzialmente distruttiva».

I pm tornano all’attacco e chiedono alla Cassazione di arrestare nuovamente l’avvocato Giuseppe Arnone. Il professionista, noto in Sicilia anche per i suoi trascorsi di politico di sinistra, il 12 novembre è stato bloccato in flagranza di reato dalla squadra mobile subito dopo avere intascato due assegni, per un importo di 14 mila euro, dalla collega Francesca Picone.

La Procura insiste sulle sue tesi e presenta un ricorso di 23 pagine firmato dal capo dell’ufficio Luigi Patronaggio, dal suo vice Ignazio Fonzo e dai pm Carlo Cinque e Alessandro Macaluso.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI AGRIGENTO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X