LA CANTANTE

"Accusata di guidare ubriaca", un vizio di forma potrebbe scagionare Loredana Errore

di

SCIACCA. «Quando è stata sottoposta agli accertamenti sul tasso etilico nel sangue non è stata avvisata che poteva essere assistita da un legale, l’accertamento è nullo». Il giudice Agata Anna Genna recepisce l’eccezione della difesa che potrebbe evitare la condanna alla cantante Loredana Errore, diventata famosa nel 2010 grazie alla trasmissione di Canale 5 «Amici» e finita a processo con l’accusa di guida in stato di ebbrezza.

L’artista trentunenne era stata denunciata dai carabinieri il 4 settembre del 2013 dopo un incidente nel quale restò ferita in maniera seria. Il tasso alcolemico risultava il doppio del limite di 0,5. All’udienza precedente l’avvocato Antonino Gaziano aveva però chiesto che quell’accertamento venisse dichiarato inutilizzabile perché «non le è stato consentito di farsi assistere da un difensore».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X