IGIENE AMBIENTALE

Regione e Comune tagliano la raccolta nell'Agrigentino

di

AGRIGENTO. Se Porto Empedocle piange, Agrigento non ride. La disposizione del Dipartimento regione rifiuti con cui si dispone il taglio di 5 autocompattatori alle ditte che hanno in appalto il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti ad Agrigento, sta già avendo i primi risultati, ovviamente negativi. Da tre giorni ormai, in molti quartieri la raccolta non può essere effettuata normalmente secondo il programma fino ad ora rispettato e la città si avvia a diventare una pattumiera a cielo aperto.

«Sia chiaro agli organi competenti ma anche e soprattutto ai cittadini – tuona l'amministratore delegato di Iseda Giancarlo Alongi - che i disservizi nel servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani di questi ultimi giorni ad Agrigento, sono il frutto dell'esecuzione che stiamo dando ad una disposizione del Dipartimento Regionale dei Rifiuti, immediatamente sposata e resa esecutiva dall'Amministrazione comunale di Agrigento, senza un preventivo confronto con le imprese».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X