AGRICOLTURA

Ribera, «tagli» al Consorzio: comuni in fibrillazione

di

RIBERA. "I Consorzi di bonifica erogano servizi importanti per l' agricoltura. La loro assenza la farebbe morire". A dirlo è Vincenzo Giambrone, attuale sindaco di Cammarata, uno dei centri agrigentini dove si coglie con mano il senso di insoddisfazione per le notizie che arrivano dalla regione a proposito del futuro dei consorzi di bonifica, strutture che conosce bene per essere stato per anni direttore di quello di Ribera.

Esprime preoccupazione , come il portavoce del Comitato spontaneo dell' agricoltura di Ribera, l' avvocato Giacomo Cortese, il quale in una nota sostiene tra l' altro che "è ora di dire basta ad una gestione emergenziale dei Consorzi di Bonifica regionali" e che bisogna" porre mano ad una seria legge di riforma per dotare i Consorzi di ulteriori e innovative competenze".

Stessa preoccupazione espressa nei giorni scorsi dal sindaco di Ribera Carmelo Pace, che ha richiesto un incontro urgente con l' assessore regionale all' agricoltura Antonello Cracolici, che, su sollecitazione del presidente del consiglio comunale di Ribera Giu seppe Tortorici e dei capigruppo consiliari Francesco Montalbano, Davide Caico e Nicola Inglese, ha dato la propria disponibilità ad incontrarli nella sede dell' assessorato alle risorse agricole questo pomeriggio a Palermo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook