IL CASO

Impresa non pagata dal Comune, a rischio i lavori a Favara

di
L’appalto di 676 mila euro riguarda anche il recupero dell’ex Pretura

FAVARA. La ditta non viene pagata e minaccia di bloccare i lavori preoccupando chi gestisce esercizi commerciali in piazza Garibaldi per tutta la stagione estiva ostaggio di mezzi meccanici, transenne, polvere. La causa di tutto ciò il tiramolla sul conto consuntivo, portato in consiglio e poi bocciato per essere nuovamente inserito all’ordine del giorno nel disperato tentativo di approvarlo e salvare lo scranno. Al rendiconto di gestione è, infatti, legato il riaccertamento straordinario dei residui, imposto da una norma entrata in vigore in Sicilia recentemente.

Entrambi gli atti devono essere adottati contestualmente, il primo dal consiglio, il secondo dalla giunta municipale. Senza il riaccertamento dei residui non possono essere effettuati pagamenti a tutto danno di chi vanta crediti nei confronti del Comune. Nel balletto delle polemiche e delle contraddizioni che hanno caratterizzato tutte le adunanze consiliari dell’ultimo periodo, a pagare il prezzo più alto sono pertanto l’impresa, che non riceve quanto maturato, gli abitanti di piazza Garibaldi, ai quali era stato promesso che entro ottobre i lavori si sarebbero ultimati, e i commercianti che hanno visto dimezzati i loro affari in quanto da giugno non si trova più un posteggio essendo stata tutta l’area transennata.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook