TENSIONI

Raid vandalico alla Scala dei Turchi, danneggiati i cartelli "proprietà privata"

di
Il proprietario della scogliera non ha tolto, nonostante la diffida del Comune sia scaduta, i paletti di ferro con base in cemento

REALMONTE. Sono stati danneggiati i cartelli con la scritta "proprietà privata" ed è stato rimosso il "divieto di sosta" sulla Scala dei Turchi. Tensione alle stelle sulla scogliera di marna bianca più famosa d'Italia e candidata a diventare patrimonio Unesco, il clima è sempre più teso tra il sindaco di Realmonte Lillo Zicari e il proprietario Ferdinando Sciabbarrà che preannunciano di fatto una "guerra" tra carte bollate tra ricorsi e denunce.

A documentare il danneggiamento dei cartelli, che sono stati completamente strappati, è stata l'associazione Mareamico Agrigento presieduta da Claudio Lombardo che ha condiviso le foto su Facebook. «Qualche buontempone - ha scritto Claudio Lombardo - ha strappato i cartelli che indicavano la proprietà privata a Scala dei Turchi. La cosa dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, che quello è un posto dove non esistono i controlli», ha sottolineato il presidente dell'associazione ambientalista durante l'estate in polemica con l'amministrazione comunale realmontina.

Intanto, dopo la scadenza dei termini del 3 settembre, il proprietario non ha ancora rimosso i cinque paletti di ferro con base in cemento e la scritta "proprietà privata", come prescritto nell'ordinanza dirigenziale dell'Utc. Per questo il Comune avrebbe dovuto provvedere a rimuoverli d'imperio entro ieri, almeno secondo quanto previsto dall'ordinanza del 31 agosto che segnala anche pericoli per l’incolumità pubblica.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X