LICATA

I familiari di Angelo Truisi: chiediamo giustizia

di

LICATA. «Chiediamo giustizia per Angelo, vorremmo che fossero individuati al più presto i suoi assassini». A dirlo sono i familiari di Angelo Truisi, il ventiduenne di Licata scomparso il primo dell’anno e ritrovato cadavere 19 giorni dopo, ucciso a colpi di fucile a canne mozze. Un episodio, registrato proprio all’inizio del 2015, che ha scosso l’intera comunità licatese. Qualche mese fa sono stati gli amici di Angelo Truisi a sistemare un grande striscione con la foto del ragazzo sul ponte Giovanni Paolo II ed a scrivere sotto «Giustizia per Angelo».

La stessa giustizia che ora chiedono i familiari del giovane. «Sappiamo – dicono i familiari – che la polizia e la magistratura stanno lavorando senza sosta per fare luce sull’atroce delitto di Angelo, ma noi non riusciremo a trovare pace fino a quando non sapremo chi ha ucciso il nostro splendido ragazzo. È per questo che chiediamo, rivolgendoci a tutte le autorità competenti, che gli autori dell’assassinio siano assicurati al più presto alla giustizia. Che siano individuati e paghino per il terribile gesto di cui si sono macchiati. Come si fa ad uccidere, ed in questo modo, un ragazzo di venti anni che non aveva alcuna colpa?».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X