COMUNE

«Così contrastiamo il randagismo a Campobello di Licata»

di
Via libera al piano del sindaco Giovanni Picone: «Una campagna di sterilizzazione dei cani catturati e la convenzione con l’Asp per usufruire del rifugio cittadino»

«Contrastare efficacemente e durevolmente il fenomeno del randagismo». È uno tra i tanti obiettivi che intende perseguire l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giovanni Picone. L'esecutivo campobellese vuole centrare l'obbligo legislativo e, con le risorse a disposizione, ottimizzare le scelte operative di contrasto a tale fenomeno.

L’amministrazione comunale ha predisposto un organico programma di interventi, tra cui una «urgente campagna di sterilizzazione dei cani randagi - spiega il sindaco -, nonché la reimmissione sul territorio dei cani sterilizzati non aggressivi. Con delibera di giunta del luglio scorso, l’amministrazione ha approvato lo schema di convenzione per potere usufruire del rifugio sanitario e per potere procedere alla sterilizzazione dei cani randagi e vaganti catturati nel proprio territorio. E con nota dell'azienda sanitaria provinciale, Servizio veterinario di Canicattì, è stato espresso parere favorevole dopo la sottoscrizione dello schema di convenzione».
Ed è stata infatti firmata la convenzione che autorizza il Comune di Campobello ad utilizzare il rifugio sanitario del Comune di Canicattì per la sterilizzazione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X