SAN BIAGIO PLATANI

In Sicilia la pecora che fa il latte 4 volte di più

di
Il tipo di animale arriva da Israele. Si adatta agli interni dell’azienda. L’imprenditore: «Teniamo sotto controllo l’alimentazione e le condizioni igieniche»

AGRIGENTO. Quattro litri di latte al giorno anziché uno e la possibilità di sviluppare allevamenti di pecore redditizi per l’intera Sicilia. Quello recentemente avviato a San Biagio Platani, in provincia di Agrigento, è un progetto sperimentale su cui Gerlando D’Agostino, imprenditore locale che da circa 23 anni si occupa della produzione di prodotti caseari di origine ovina, ha investito tutto.
L’avventura è iniziata solo qualche mese addietro, quando D’Agostino, dopo una traferta commerciale in Francia, ha deciso di importare 20 capi di pecora Assaf, un particolare ma poco conosciuto incrocio realizzato in Israele fra la mediorientale Awassi e la Frisona tedesca.
«Durante la trasferta francese – spiega D'Agostino – ci è stato spiegato che questo tipo di pecora Assaf, è un animale che promette di dare latte tutto l'anno in una quantità tre volte superiore alle nostre. Niente concorrenza con gli ovini autoctoni comunque, ma solo una integrazione per compensare quei periodi, estate e autunno, in cui l’animale nostrano non produce latte».
E i numeri che la pecora Assaf promette, sembrano eccezionali.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook