AGRIGENTO

Valle dei Templi, gli abusivi ricorrono alla Corte europea

di
Michele Mallia: «La Procura fa bene il suo lavoro, non scenderemo in piazza e non ci saranno proteste plateali»

AGRIGENTO. Non scenderanno in piazza né si metteranno davanti alle ruspe, ma sono pronti a ricorrere alla Corte europea dei diritti dell'uomo gli "abusivi" agrigentini che fra non molto dovrebbero vedere cadere giù le loro case nell'area della valle che per anni hanno difeso con i denti. Non ce l'hanno con la Procura della Repubblica di Agrigento che ha notificato e sollecitato al Comune di ottemperare al provvedimento finalizzato alla demolizione, entro trenta giorni, degli immobili abusivi ricadenti in zona archeologica.

«Sono adempimenti di legge e quindi vanno osservati. Nessuno può mettere in dubbio la legge», ha detto l'ex consigliere comunale Michele Mallia, per anni chiamato "leader degli abusivi", spiegando che, a conclusione del percorso che dovrebbe portare fra non molto alle demolizioni, lo strumento al quale ricorreranno adesso gli abusivi sarà quello del ricorso alla Cedu di Strasburgo come è avvenuto per l'ecomostro di Punta Perotti a Bari dove lo Stato è stato poi costretto a pagare un maxi risarcimento ai costruttori.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook