COMUNE

Agrò lascia, la giunta di Favara perde un altro pezzo

di

FAVARA. La giunta Manganella perde un altro pezzo. Dopo poco più di 21 mesi dalla sua nomina, avvenuta nel luglio 2013, si è dimesso dalla carica l'assessore Enzo Agrò a cui era stata assegnata una corposa delega in funzione della sua professione, quella di architetto. Il sindaco Manganella gli aveva, infatti, affidato il piano particolareggiato e le politiche per il centro storico, il Prg, l'edilizia pubblica, i rifiuti, lo sportello unico per le attività produttive, la formazione, la gestione della piscina e del palazzetto dello sport, le politiche comunitarie ed energetiche, i progetti strategici per la città, il turismo, gli scambi internazionali, la comunicazione ed Expo 2015. Nelle dimissioni di Agrò non ci sono rancori politici o personali.

Semmai trapela un larvato senso di impotenza di fronte a una macchina comunale che appesantisce tutti i procedimenti facendo venire meno anche le buone intenzioni. «Ho accumulato delle delusioni per quello che si poteva fare e non è stato fatto - dice - ma nel complesso ho maturato un'esperienza che definisco positiva perché mi ha permesso di vedere sotto un'ottica diversa alcuni aspetti che prima davo per scontati».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X