EMERGENZA RIENTRATA

Rifiuti, riaperta la discarica di Siculiana

di
Fino a ieri mattina soltanto pochi Comuni, tra cui Agrigento e Porto Empedocle, avevano siglato i contratti con il gruppo Catanzaro. Ma oggi saranno formalizzati

SICULIANA. La discarica di Siculiana è stata riaperta. Ma ieri mattina, gli unici autocompattatori che hanno potuto scaricare, sono stati quelli di una ventina di paesi, tra questi Agrigento e di Porto Empedocle. Alcuni anche di altre province. Gli altri, sono rimasti fuori dall’impianto perchè i comuni non avevano ancora recepito, alcuni non lo avevano neanche letto, il decreto del capo del Dipartimento regionale dei rifiuti Mimmo Armenio e non avevano ancora sottoscritto alcun contratto con la Catanzaro costruzioni che gestisce l’impianto di contrada Materano.

Con il capoluogo e con la città di Vigata, l’intesa era stata già raggiunta, cosa questa che ha impedito che la raccolta si fermasse nuovamente e garantendo, soprattutto, che si possa continuare a raccogliere anche oggi e nei giorni a venire. Discorso diverso, ad esempio, per gli altri comuni serviti dall’Iseda, e cioè Grotte, Racalmuto, Castrofilippo, Realmonte e Montallegro i cui rifiuti sono rimasti fino alla fine del turno davanti la discarica senza potere scaricare. Favara è fuori quota perchè ieri effettuava la differenziata. Poi, i mezzi hanno fatto ritorno nella zona industriale di Agrigento, sede dell’Iseda dove fino alle 16.30, orario della chiusura della discarica, l’amministratore delegato Giancarlo Alongi e i suoi collaboratori, sono rimasti in attesa di notizie su come comportarsi.

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook