ELEZIONI AD AGRIGENTO

Firetto: «Le primarie sono un bluff
Sarò il sindaco di chi vuol cambiare»

di
Firetto su Facebook: «La mia candidatura è al di sopra dei partiti»

AGRIGENTO. «Penso che per responsabilità individuali precise, ma anche per responsabilità collettive da cui non ci possiamo chiamare fuori, probabilmente me compreso, Agrigento, oggi, non è quella che dovrebbe essere. Un fallimento collettivo». Lillo Firetto, deputato regionale e sindaco di Porto Empedocle rompe gli indugi e sulla sua pagina personale di facebook conferma la sua intenzione di candidarsi alla guida di Palazzo dei Giganti.

«Occorre discontinuità – aggiunge Firetto -. Occorre un impegno corale che spazza via: dietrologie, invidie, veleni, insipienza. Un impegno corale costruttivo, concreto, puntiglioso per cambiare in meglio Agrigento. Renderla più luminosa, attraente. Rispolverando quell'immenso patrimonio di storia e cultura». Ma chi candiderebbe Firetto contrario alle primarie, alle quali ricorreranno, invece, gli schieramenti di centrosinistra e centrodestra? «Io ricevo molte sollecitazioni – spiega Firetto – ma una volta convinto che la mia candidatura sia la cosa giusta da fare non mi sottoporrò a nessun tipo di primarie che sono uno strumento intossicato, come hanno dimostrato le vicende romane e liguri dove il sindaco del Pdl è andato a votare le primarie della sinistra».

ALTRE NOTIZIE NEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X