LA CARICA DEI 104

Falsi invalidi ad Agrigento, il gip: "Mazzette e medici venduti"

di
Le dure parole del magistrato nell’ordinanza cautelare: «È stato commesso un autentico florilegio di nefandezze»

AGRIGENTO. "Medici venduti a vere e proprie associazioni criminali". Di fronte alla mole di prove raccolta dalla Procura e dai poliziotti della Digos durante le indagini che hanno portato all'operazione "La carica delle 104" il gip Ottavio Mosti - che ha emesso l'ordinanza su richiesta del capo dell'ufficio inquirente Renato Di Natale, del suo vice Ignazio Fonzo e del pm Andrea Maggioni - usa parole di fuoco. La presunta fabbrica di falsi invalidi, secondo quanto si legge nel provvedimento, sarebbe stata portata avanti con centinaia di "laute mazzette" e assoluta spregiudicatezza.

"Un autentico florilegio di nefandezze". Il giudice addirittura si scusa per il sarcasmo usato in alcuni tratti dell'ordinanza. Mosti, peraltro, sottolinea che l'indagine è tutt'altro che chiusa. Scrive il gip: "Nelle imputazioni che ne ricava la pubblica accusa - oltre centocinquanta, a carico di centouno indagati; ma il conto, come l'indagine, è ancora in divenire - si specchia il sommerso di un consolidato e ben regolato ordine di corruttele, nel quale la funzione certificativa di alcuni medici del servizio sanitario pubblico ci appare venduta ed asservita, per il tramite di vere e proprie associazioni criminali, all'interesse fraudolento di chi, per fini di lucro o per accampare diritti di contesto laboristico (assunzioni, trasferimenti et similia), aspiri, senza averne diritto, a che gli sia riconosciuto o mantenuto, e se del caso aggravato, lo status di invalido civile".

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook