Agrigento, scoperti 133 falsi braccianti agricoli e tre imprese fantasma

AGRIGENTO. Tre imprese agricole fantasma, che assumendo 133 falsi braccianti agricoli, avrebbero truffato l'Inps per oltre 400 mila euro sono state scoperte della Guardia di finanza di Agrigento. L'operazione è stata denominata «Gogol» dall'autore del romanzo «Le anime morte». I titolari delle tre imprese e i 133 falsi braccianti sono stati denunciati con l'accusa, a diverso titolo, di falso e truffa aggravata. Secondo quanto accertato, le tre imprese - di Canicattì, Palma di Montechiaro e Naro - avrebbero indebitamente percepito contributi assistenziali relativi all'indennità di disoccupazione agricola, malattia e/o di maternità erogati dall'Inps. Le tre imprese sono state individuate durante indagini iniziate nel gennaio scorso. Oltre a non aver mai presentato alcuna dichiarazione dei redditi, secondo quanto accertato non avrebbero mai posseduto, acquistato o affittato nè terreni agricoli, nè macchinari per la coltivazione o la raccolta di frutta o ortaggi. I 133 finti braccianti avrebbero indebitamente percepito 436.960,39 euro oltre a maturare i contributi ai fini pensionistici. A seguito dell'operazione l'Inps di Agrigento ha già avviato le procedure di rimborso delle somme illecitamente percepite.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X