Sciacca: «Ztl» in centro, i commercianti si dividono

Agrigento, Archivio

SCIACCA. Domani partirà la zona a traffico limitato in corso Vittorio Emanuele e in via Giuseppe Licata. Il progetto, messo a punto dall'amministrazione comunale, prevede cinque step e una serie di iniziative tra le quali un servizio di bus navetta che collegherà le aree di parcheggio del piazzale della ex stazione ferroviaria e quelle a ridosso del centro storico con il corso Vittorio Emanuele e la via Giuseppe Licata. Nella zona a traffico limitato, dal mese di luglio, sarà impiegato un pulmino elettrico da 14 posti. Bus navetta e pulmino saranno gratuiti così come la corsa che, dalle 23, riporterà a Sciaccamare i turisti che vorranno fruire del centro storico anche nelle ore serali. "Abbiamo lavorato per tanto tempo a questo progetto, che prevede una gradualità d'interventi - ha detto il sindaco, Fabrizio Di Paola, durante la conferenza stampa di presentazione - ed è stata realizzata una sintesi tra le varie esigenze. Certo è che rispetto a questa proposta non si tornerà indietro". L'assessore alla Polizia Municipale, Silvio Caracappa, ha sottolineato il grande sforzo che sarà compiuto dagli agenti del comando "Fazio" e "questa volta senza l'aiuto di alcuna associazione di volontari, ma soltanto con le forze disponibili al comando. In tutte le città turistiche - aggiunge Caracappa - il centro storico deve essere fruito senza le auto ed è quello che stiamo cercando di fare anche a Sciacca. Bisogna tenere conto di quello che pensano i commercianti così come dei turisti, di chi ci pressa per la chiusura del centro storico". Ci sono commercianti che esultano come Paolo Bono, titolare di un bar: "La gente - dice - si stupisce quando vede auto nel centro storico". Ma c'è anche chi, come Leonardo Contissa, titolare di una macelleria, è contrario: "Tutto il settore alimentare che opera nel centro storico - dice - è penalizzato dalla chiusura al traffico. La gente che deve acquistare la carne, il pesce, i dolci non viene da noi se non può arrivare con la macchina, ma si reca in altre zone, dove non ha difficoltà a parcheggiare. Chi deve fare la spesa non gira con i sacchetti. Lo fa chi deve comprare vestiti. Questo provvedimento ci penalizza". Aurelio Pellegrino, titolare di un negozio di corredi, parla di "progetto che deve essere migliorato. Il bus navetta non dovrebbe fare il giro del paese, ma collegare i parcheggi con il centro storico - dice Pellegrino - perché altrimenti è, di fatto, un doppione del pulmino. Ci vorrebbero poi delle ore di isola pedonale, senza auto, e non a traffico limitato con macchine, quelle dei residenti, che possono accedere". Il primo step partirà domani e prevede la ztl nei giorni di venerdì, sabato e domenica, dalle 18,30 a mezzanotte. Questo fino al 18 luglio. Secondo step, dal 19 luglio all'8 agosto, tutti i giorni con ztl dalle 18,30 all'una. Terzo step, dal 9 al 17 agosto, tutti i giorni, dalle 18,30 alle 2. Dal 18 al 31 agosto ztl tutti i giorni, ma dalle 18,30 all'una. Infine, il quinto e ultimo step, dal 5 al 14 settembre, soltanto nei fine settimana, venerdì, sabato e domenica, dalle 18,30 all'una.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook