Ponte Verdura, ritocchi dell’Anas: si punta a migliorare la viabilità

RIBERA. Operai dell'Anas di nuovo al lavoro sul ponte sul fiume Verdura lungo la statale 115 che da Agrigento porta a Sciacca e che nel febbraio dell'anno scorso è parzialmente crollato e dopo alcuni mesi rimesso in sesto utilizzando dei tubi del tipo Armco. L'intervento degli operai si è reso necessario per potere effettuare lavori ordinari di manutenzione sul manto stradale del viadotto. Si sta procedendo alla scarificazione del manto stradale e alla posa del nuovo asfalto, il tutto per potere rendere il manto stesso maggiormente livellato ed evitare i problemi che i conducenti di autoveicoli di tanto in tanto segnalano e che sono dovuti al fatto che il tipo di intervento che è stato effettuato per la posa dei tubi Armco è da considerare un intervento “provvisorio”. Di tanto in tanto vengono notati soprattutto nella zona centrale del viadotto dei piccoli avvallamenti che vengono di volta in volta tamponati con interventi degli operai della società che gestisce le autostrade in Italia. Gli interventi operati hanno comportato qualche minuto di sosta per consentire il deflusso di un momentaneo senso di percorribilità. Nella ginata di oggi la situazione dovrebbe ritornare alla normalità. A determinare la necessità degli interventi è il fatto che il ponte Verdura, quello “storico” e quello realizzato negli anni '70, non spiccano per omogeneità di esecuzione ed è stato, forse, anche questo uno dei motivi che nel febbraio dell'anno scorso hanno determinato il cedimento strutturale, che, come si ricorderà, ha portato alla chiusura del viadotto con notevoli inconvenienti per gli automobilisti e i conducenti di automezzi costretti ad un vero e proprio calvario per mesi. Come è noto, le due parti del viadotto non sono omogee. Adesso si aspetta solo che si completi l'iter per la realizzazione del nuovo ponte che, però, non si sa ancora quanto potrà essere realizzato, dal momento che c'è il fuinanziamwntro di circa 10 milioni e si attende che il progetto realizzato dall'Anas riceva il via libero, diventando esecutivo, da parte della Regione. I tempi sono stretti anche perè il Genio civile a fine mese dovrà pronunciarsi sull'utilizzazione ulteriore della “paserella” provvisoria, che, comunque, in questi giorni di piena ha retto. Le piogge torrenziali, infatti, dalle parti del fiume Verdura non hanno creato gli stessi problemi che sorgono quando piove con questa insistenza dalle parti del fiume Platani. Questo, infatti, è esondato ancora una volta ricoprendo molti dei terreni della zona. La situazioone, comunque, appare sotto controllo. Intanto gli operai dell’Anas hanno completato un altro intervento resosi necessario nei giorni del crollo del ponte Verdura: si tratta della sistemazione di un tratto di statale che porta dalla città allo svincolo per la cartiera in zona Verdura. Già i lavori sono stati completati con la posa di apposite barriere che hanno consentito, finalmente, il ripristino dell’arteria, evitando così i pericoli che si sono avuti per lunghi mesi. TC

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X