A Canicattì si punta al risparmio grazie alla tecnologia

Al Comune tagli alle linee telefoniche

CANICATTI'. L'amministrazione comunale punta ancora a rivedere la spesa. La politica che si sta cercando di adottare non dovrebbe prevedere tagli di servizi ma l'ottimizzazione di quelli esistenti ricorrendo anche all'uso delle nuove tecnologie che consentono di abbattere i costi. Tra queste politiche figura quella di sostituire le vecchie linee telefoniche fisse con quelle che utilizzano il sistema Wi Fi. Già alcuni edifici comunali come la scuola Crispi, il punto Arte di Largo Aosta, l'Ufficio manutenzione ed altri ancora hanno lasciato le vecchie linee per passare al nuovo sistema ed un ulteriore passo potrebbe essere quello di una maggiore velocizzazione delle comunicazioni soprattutto per le linee dedicate alla trasmissione dei dati e quindi del sistema informatico. Sembrano piccoli accorgimenti ma non lo sono soprattutto se rapportati ad i risparmi che ne derivano una volta a regime. Tra queste politiche una scelta strategica allo studio di funzionari e dirigenti riguarda la condivisione delle diverse banca dati delle direzioni che spesso hanno codifiche non perfettamente coincidenti ma anche non sono "allineate" tra di loro. A questo bisogna aggiungere che per alcuni servizi e soprattutto per alcuni della direzione Tributi e Patrimonio l'amministrazione continua a ricorrere a soggetti esterni che comportano un costo fisso non trascurabile ma soprattutto creano una barriera all'utilizzo diretto ed immediato dell'accesso alla banca dati. Un primo studio, costato 60 mila euro, era stato fatto dal Cnr di Palermo che aveva dato precise indicazioni ad oggi non seguite da amministratori e dirigenti comunali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook