Chiusa la "115", è caos sulla Provinciale

SCIACCA. Come era facilmente prevedibile ieri mattina il traffico della 115 ha paralizzato la provinciale 76, una strada che costeggia le spiagge e che durante i mesi invernali è quasi deserta. Ieri erano all’opera squadre di operai della Provincia per lavori di manutenzione e di pulizia. C’erano anche operai dell’Anas e agenti della polizia stradale per regolare il traffico, ma la situazione, in particolare nelle ore di punta, era difficile con automobilisti bloccati sotto il sole cocente. La chiusura del viadotto Carabollace, dove mancano adeguate condizioni di sicurezza tanto che la procura della Repubblica di Sciacca ne ha disposto il sequestro preventivo, rischia di danneggiare l’economia della zona.


«L’agricoltura potrà subire gravi danni - dice il presidente dell’Asprol Sicilia, Vincenzo Crapanzano - e penso al trasporto delle pesche che è in pieno svolgimento in questo periodo. Non possono certo restare tanto tempo sotto il sole e dunque mi auguro che si faccia qualcosa al più presto». «Questa ennesima parziale chiusura della 115 - afferma il sindaco di Ribera, Carmelo Pace - poteva essere sicuramente evitata se l’Anas avesse provveduto per tempo a migliorare un ponte che da anni necessita di interventi. Sono penalizzati tutti i comparti economici - continua Pace - a cominciare dal turismo, per responsabilità che sono da addebitare all’Anas, ente che ha il dovere di garantire la sicurezza delle nostre strade». L’Anas ha già chiesto un incontro alla procura di Sciacca per presentare un piano di interventi. Intanto, il consigliere comunale di Sciacca Paolo Mandracchia sollecita un intervento dell’ente saccense per la sistemazione dalla via Marco Polo, la strada dalla quale si accede alla provinciale 76. «E’ sporca, ci sono erbacce ed è necessario migliorare anche il manto stradale - afferma Mandracchia -. Mi auguro che si proceda al più presto e che si spinga quanto più è possibile per indurre l’Anas a realizzare i lavori che consentano di riaprire il viadotto Carabollace». Il sindaco di Sciacca, Fabrizio Di Paola, ha annunciato di avere chiesto un incontro all’Anas. Lamentele anche dal mondo della scuola. «Da Sambuca devo raggiungere Ribera - dice Enzo Randazzo, preside del liceo classico di Sciacca e presidente di commissione al liceo scientifico e sperimentale del centro crispino - e non è certo agevole percorrere la strada alternativa. Mi auguro che si trovi al più presto una soluzione - conclude - che consenta la riapertura della 115, garantendo la necessaria sicurezza».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook