Feto muore in grembo, la Procura apre un'inchiesta

La donna, 30 anni di Canicattì, era stata ricoverata perché aveva già le membrane rotte. Ma i medici avevano appurato che il cuore del feto aveva smesso di battere e il parto è stato indotto
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. La Procura di Agrigento ha aperto un'inchiesta, dopo l'esposto denuncia dei genitori, per la morte in grembo di un feto alla ventottesima settimana di gestazione. La donna, una trentenne di Canicattì, era stata ricoverata all'ospedale di Agrigento perché aveva già le membrane rotte e veniva monitorata continuamente. Durante uno dei monitoraggi, i medici del reparto di Ginecologia ed ostetricia hanno appurato che il cuore del feto aveva smesso di battere. Il parto naturale è stato indotto. La polizia, su incarico del sostituto procuratore di turno, ha sequestrato le cartelle cliniche della puerpera.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X