Rifiuti, sciopero selvaggio dei netturbini

Gli oltre 400 operatori ecologici, delle imprese che si occupano della raccolta dei rifiuti ad Agrigento e in altri 18 Comuni dell'Ato Gesa Ag2, stamani non sono tornati al lavoro. Reclamano il pagamento degli arretrati
Agrigento, Archivio

AGRIGENTO. Gli oltre 400 operatori ecologici, delle imprese che si occupano della raccolta dei
rifiuti ad Agrigento e in altri 18 Comuni dell'Ato Gesa Ag2, stamani non sono tornati al lavoro. Dopo due giorni di sciopero concordato, i netturbini da oggi stanno scioperando selvaggiamente. Reclamano il pagamento degli arretrati a partire da maggio.

Al dipartimento per l'emergenza rifiuti sarebbero già pronte le lettere di precettazione per far riprendere la raccolta dell'immondizia ferma da mercoledì scorso quando chiuse la discarica di Siculiana.

"E' una pazzia il solo pensare di precettare i lavoratori - ha detto il responsabile della funzione pubblica della Cgil Alfonso Buscemi - . Faremo fuoco e fiamme se dovesse accadere perché non si può ipotizzare di scaricare una crisi così profonda, quella dell'Ato Gesa Ag2, su quello che è l'anello debole della categoria: sui lavoratori che da 5 mesi sono senza stipendio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook