Cuffaro, un permesso di sei ore per far visita al padre malato

Cuffaro è giunto questa mattina a Raffadali nella casa di famiglia. Il padre è stato dimesso dall'ospedale dopo l'aggravarsi delle sue condizioni
Agrigento, Cronaca

RAFFADALI. Un permesso di sei ore è stato concesso all'ex presidente della Regione siciliana Salvatore Cuffaro per consentirgli di far visita al padre, gravemente malato.
Cuffaro è giunto questa mattina a Raffadali, in provincia di Agrigento, nella casa di famiglia, dopo essere stato trasferito dal carcere romano di Rebibbia, dove sta scontando una condanna a sette anni per favoreggiamento aggravato di Cosa nostra, a quello agrigentino di Petrusa. L'ex governatore verrà nuovamente tradotto a Rebibbia domani.
L'anziano padre di Cuffaro è stato dimesso dall'ospedale dopo che i medici hanno constatato l'aggravarsi delle sue condizioni.


CUFFARO ESCE DA CASA PADRE, APPLAUSI DA FOLLA. L'ex presidente della Regione, Salvatore Cuffaro, all'uscita dalla casa del padre Raffaele, in via Rosario a Raffadali (Ag), è stato salutato con scroscianti applausi e con diversi "Ciao Totò" dalla piccola folla che si era radunata dinanzi l'abitazione. Cuffaro, camicia azzurra e maglione blu, si è voltato una attimo verso i suoi compaesani prima di risalire sull'auto della polizia penitenziaria che lo ha riaccompagnato nel carcere agrigentino. Domani dovrebbe tornare a Rebibbia.

IL FRATELLO: INCONTRO MOLTO TOCCANTE. È stato un incontro molto roccante. Totò è stato per cinque ore seduto accanto a papà Hanno parlato. Mio padre è molto malato e vede Totò come un figlio e un medico non come un politico». Lo dice Giuseppe Cuffaro, fratello di Salvatore.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook