Menfi realizza un sogno: ovazione per Giusy

Il paese in festa per la nuova miss Italia: fino a tarda notte è stato tenuto sveglio dai caroselli delle auto strombazzanti
Agrigento, Archivio

MENFI. L'ottimo vino, il mare più pulito e ora anche la ragazza più bella d'Italia: Menfi, che ha un sole che incornicia la sua "porta d'ingresso", cittadina agrigentina di 12808 abitanti, vede realizzato il sogno che ha tenuto banco per mesi, e soprattutto negli ultimi tre giorni, tra la stragrande maggioranza dei suoi cittadini.
Ha vinto una di loro Giusy Buscemi, nata il 13 aprile 1993 a Mazara del Vallo (Trapani) "ma solo - si affretta a precisare il sindaco Michele Botta - perché noi non abbiamo un ospedale per le nascite". Giusy è menfitana doc come il nostro vino, dicono tutti nel paese che fino a tarda notte è stato tenuto sveglio dai caroselli delle auto strombazzanti. E tutti i menfitani davanti alla tv in casa o nel teatro del mare hanno assistito alla finale del concorso di bellezza che ha visto proclamare proprio lei la bella ragazza dagli occhi verdi che viene dal centro agricolo verde di vigne che si affaccia su una delle coste più belle d'Italia: il mare premiato da 16 anni con le vele blu di Legambiente.
A Menfi un'ovazione ha salutato l'incoronazione della diciannovenne. "Ringrazio tutti i miei concittadini. Ho saputo dell'atmosfera da stadio che si è respirata in piazza davanti allo schermo gigante", dice la più bella d'Italia. La cittadina è stata sveglia la notte scorsa con amici e parenti della famiglia di Giusy raggianti per la notizia.
Il padre di Giusy, Giacomo Buscemi, è impiegato alla sezione operativa di Menfi dell'assessorato regionale agricoltura e foreste, la madre, Lina Di Blasi, è casalinga. Entrambi hanno fatto sacrifici per seguire la figlia nel percorso verso l'incoronazione: sono andati a Montecatini in auto partendo da Menfi. La nuova miss Italia ha un fratello di 17 anni, Antonio, e un fidanzato, Giuseppe, che conosce fin da quando frequentavano le elementari. Ma a Menfi, bene o male, si conoscono tutti. La piazza, la lunga spiaggia di Porto Palo, lì ci si incontra e si fa conoscenza. "Il sogno di Giusy è diventato realtà. La bellezza italiana e quella del nostro territorio non possono avere migliore ambasciatrice. Grazie Giusy. La città è orgogliosa di te e tutti noi ti ringraziamo per aver fatto ritrovare intorno a te una comunità unita ed entusiasta", dice il sindaco. "Io sono il medico di base della famiglia Buscemi - aggiunge Botta - e ho seguito Giusy fin da quando era poco più che bambina. E' anche un po' merito mio se è riuscita a vincere miss Italia: naturalmente la mia è una battuta". "Nell'estate 2007 - aggiunge - divenne miss Porto Palo, la nostra frazione marinara. Poi ad Acireale vinse il titolo di miss Cinema. Quindi ha ottenuto la fascia di miss Wella fino all'exploit di ieri". "Che cosa significa l'affermazione di Giusy e la sua ribalta nazionale per il nostro comune? Penso che questo - conclude il sindaco - sia un'altro tassello utile per la nostra cittadina. Abbiano un mare bellissimo e pulitissimo, certificato ogni anno da Legambiente, un territorio straordinario, ricco di bellezze naturali, la cantina Settesoli che è nota nel mondo e che fa ogni anno una vendemmia aperta a tutti. Penso che la vittoria di miss Italia da parte di una bella e intelligente ragazza come Giusy partita da Menfi sia un ulteriore pezzo di un mosaico molto positivo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook