stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia a Licata, Semprevivo resta in carcere: accusato di estorsione aggravata
IL RICORSO

Mafia a Licata, Semprevivo resta in carcere: accusato di estorsione aggravata

di
mafia, Agrigento, Cronaca
Raimondo Semprevivo

Rigettato il ricorso per l'imprenditore Raimondo Semprevivo, arrestato nell’operazione "Assedio" che ha disarticolato la nuova famiglia mafiosa di Licata. L'ordinanza cautelare in carcere diventa definitiva anche per l’accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Il quarantasettenne, in particolare, nel 2018, aveva un credito di 10mila euro nei confronti di un imprenditore alle cui dipendenze aveva lavorato, in Germania, senza essere retribuito. Per ottenere i soldi avrebbe fatto, quindi, intervenire il capomafia Angelo Occhipinti, compagno della madre.

La prima volta, la Cassazione aveva disposto l’annullamento con rinvio dell’ordinanza che, tuttavia, è stata poi confermata dal Riesame.

L'articolo completo nell'edizione di Agrigento, Caltanissetta ed Enna del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X