Agrigento
Speciali
Tutte le sezioni
DA GDS IN EDICOLA

Faida sull'asse Favara-Belgio, avviati nuovi accertamenti

di

La busta con i jeans insanguinati indossati dal trentaseienne Carmelo Nicotra quando, il 23 maggio del 2017, gli hanno sparato addosso diversi colpi di kalasnikov e un crocifisso, sequestrato in uno dei luoghi teatro degli agguati, è stata aperta ieri mattina. Nei prossimi giorni si provvederà agli accertamenti biologici disposti dalla Dda. L'inchiesta per il tentato omicidio in via Torino, a Favara, di fatto, ha una trattazione comune con le altre che sono state avviate per fare luce sulla lunga scia di sangue sull'asse Favara-Belgio che ha già portato a quattro omicidi e un agguato fallito. Il pm della Dda Calogero Ferrara, che insieme ai colleghi Claudio Camilleri e Alessia Sinatra coordina i vari procedimenti, ha disposto degli accertamenti “non ripetibili di tipo biologico” su un paio di jeans e su un crocifisso sequestrati nell'ambito dell'indagine. Ieri mattina sono iniziate le operazioni. L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando sul tasto "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.