stampa
Dimensione testo
L'INCONTRO

Canicattì, il fronte comune dei viticoltori: chiedono lo stato di calamità

di
calamità, canicattì, Viticoltori, Agrigento, Cronaca

Fronte comune dei viticoltori della Sicilia centromeridionale che si riconoscono nei consorzi Uva Italia IGP di Canicattì e di Mazzarrone danneggiati negli ultimi anni dall'avversità della fitopatia del cracking. Ieri mattina a Canicattì sono arrivati i rappresentanti delle aziende dei due comprensori che abbracciano una trentina comuni delle province di Agrigento, Caltanissetta, Ragusa e Catania, assieme ai presidenti dei consorzi IGP, Salvatore Lodico e Gianni Raniolo, ed ai rappresentanti delle diverse associazioni di categoria.

Assieme a loro anche i sindaci di Canicattì e Mazzarrone, Ettore Di Ventura e Giovanni Spata, nonché amministratori locali dei diversi comuni dei due vasti areali e molti addetti ai lavori della composita filiera.

Il cracking è una fitopia che, vuoi per cause agronomiche sbagliate vuoi per avversità atmosferiche, porta alla lacerazione degli acini rendendo il grappolo di uva destinato al consumo dei consumatori non più commerciabile. I danni nella passata annata agraria sono stati enormi. Le stime per difetto parlano di 220 milioni di euro nel comprensorio Igp di Mazzarrone che abbraccia 5 comuni e di più, molto di più, in quello di Canicattì che invece abbraccia 14 comuni in provincia di Agrigento ed 11 in provincia di Caltanissetta.

L’articolo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X