DA GDS IN EDICOLA

Tar, no all'impianto eolico a Calamonaci: salva una coltivazione di pere

di

Il Tar «salva» una coltivazione di pere e, nell'attesa della seconda decisione cautelare e di quella di merito, stoppa l'esproprio dei terreni dove avrebbe dovuto sorgere la sottostazione di un impianto eolico. I fratelli P.V. e P.P., rispettivamente di 39 e di 38 anni, di Ribera, legali rappresentanti di una società agricola, che gestisce la produzione di frutta in alcuni terreni di Calamonaci, hanno superato il primo banco di prova della giustizia amministrativa.

I due imprenditori, alla fine del 2018, ricevevano una nota con la quale venivano a conoscenza della circostanza che l'assessorato regionale dell'Energia aveva autorizzato la società Eeb srl a procedere alla realizzazione di un impianto eolico da collocare nel territorio del comune di Bivona e di una sottostazione da realizzare nel territorio del Comune di Calamonaci, disponendo l'apposizione del vincolo preordinato alla espropriazione per pubblica utilità.

Con la stessa nota i due fratelli apprendevano che nei propri terreni sarebbe stata realizzata una sottostazione nella quale incamerare l'energia prodotta dall'impianto eolico.

L’articolo nell’edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X