ALLARME INASCOLTATO

Statale 640 ed erosione nell'Agrigentino. L'Anas: "Colpa delle correnti marine"

anas, Erosione Costiera, statale 640, Agrigento, Cronaca

L'allarme, l'Anas lo ha lanciato nel 2017. Ma da allora è rimasto praticamente inascoltato. Al tavolo tecnico - convocato dal commissario di Governo - per l'emergenza erosione costiera che rischia d'arrivare fino alla statale 640, nel tratto Agrigento-Porto Empedocle, è stata proprio l'Anas a rappresentare che l'arretramento della falesia è dovuto unicamente all'erosione delle onde e delle correnti marine.

«Proprio in quel tratto, infatti, non sono presenti i frangiflutti a mare che ridurrebbero sensibilmente il fenomeno erosivo - hanno reso noto, ieri, dall'Anas che cerca, naturalmente, di fare chiarezza su quanto sta accadendo - . È stato inoltre completamente escluso che il fenomeno possa essere attribuito alle acque piovane provenienti dal tratto stradale che risultano efficacemente convogliate nelle opere di presidio idraulico. Nel corso dell'incontro, è stato concordato di verificare l'impatto sull'erosione delle cosiddette acque di scorrimento provenienti dalle aree - non di competenza Anas - a monte della strada statale». E Anas ha garantito la propria collaborazione.

L'articolo nell'edizione di Agrigento del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X